Altro

Agata


caratteristiche:

nome: Agata
Altri nomi: Agata, onice
classe minerale: Ossidi e idrossidi
Formula chimica: SiO2
Elementi chimici: Silicio, ossigeno
Minerali simili: /
colore: multicolore (tra l'altro marrone, giallo, rosso, nero)
gloss: Lucido di vetro
struttura cristallina: trigonale
densità di massa: 2,8
magnetismo: ?
durezza Mohs: 6,5 - 7,0
colore del tratto: bianco
trasparenza: trasparente a opaco
uso: Pietra preziosa

Informazioni generali sull'agata:

il agata descrive un quarzo finemente cristallino del gruppo di ossidi e calcedonio, che prese il nome dal vecchio, non più comune nome del fiume italiano meridionale Achates (ora Dirillo), la sua presunta prima località. Fino alla fine del 18 ° secolo, era ancora in uso il nome ancora noto Onyx. L'agata è composta dagli elementi silicio e ossigeno ed è caratterizzata da una colorazione variata con un disegno a strisce concentriche chiaramente riconoscibile, che risulta dalla caratteristica struttura a fascia. I campioni non trattati hanno una lucentezza vetrosa e possono essere leggermente trasparenti o opachi. Appaiono multicolori in diverse tonalità di marrone e giallo, azzurro, verde tenue, arancione, rosso o nero. Le pietre con un blu brillante e rosa o un verde intenso sono invariabilmente colorate artificialmente.

Evento e località:

Le agate sono comuni in tutto il mondo e si trovano principalmente nei precedenti paesaggi vulcanici vicino alle sorgenti termali, ma si trovano spesso in cavità di depositi di minerali, in coralli, gusci di lumache e legno pietrificato, nonché in reperti di ossa fossili. I paesi che hanno importanti siti Achat includono Stati Uniti, Messico, Uruguay, Brasile, Madagascar, Botswana, Zimbabwe, Nuova Zelanda, Australia e India. In Europa, Germania, Repubblica Ceca, Russia, Bulgaria e altri paesi dell'est sono i siti più importanti.

Storia e utilizzo:

L'agata è stata molto apprezzata dagli umani per molti millenni. Originariamente le agate venivano trasformate in strumenti e strumenti per la caccia molto prima che i loro vantaggi ottici fossero riconosciuti e usati intenzionalmente. Sin dall'antico Egitto, queste pietre sono state utilizzate principalmente per la produzione di gioielli preziosi e colorati come orecchini, collane e spille, e come materiale per intarsi come scatole di gioielli, vasi e altre navi. Oggi le agate utilizzate per la produzione di gioielli stravaganti sono solitamente tinte, per cui possono essere utilizzati diversi metodi. Provenienti dal Brasile sono particolarmente adatti alla tintura, poiché presentano poche crepe e allo stesso tempo un colore di partenza biancastro o grigio. L'agata viene prima pulita con tensioattivi ed essiccata per diversi giorni ad alte temperature per prepararla alla soluzione colorante. Se si desidera un colore blu o verde brillante, gli ossidi di ferro nella pietra devono essere rimossi sotto l'influenza degli acidi. Successivamente, la pietra viene posta in una soluzione di zucchero o acido solforico, in modo che i carboidrati vengano decomposti e il carbonio risultante ne consenta la colorazione. Per ottenere un aspetto attraente, le agate vengono anche riscaldate, oliate, verniciate o cerate.

Video: Nino Ferrer - Agata (Giugno 2020).