Generale

Radiazione adattativa


Radiazione adattativa

La radiazione adattativa è l'emergere di molte nuove specie da un singolo ceppo. Le radiazioni adattative si verificano quando la specie viene introdotta in diverse nicchie ecologiche. Fattori come l'isolamento geografico e l'assenza di nemici naturali favoriscono il processo di radiazione adattativa.

La radiazione adattativa basata sui fringuelli di Darwin

I Darwinfinken sono un paradigma assoluto quando si tratta della spiegazione di una radiazione adattativa. Complessivamente ci sono 14 specie strettamente correlate, tutte discendenti da un antenato comune. Colpiscono soprattutto i diversi becchi del Darwinfinken, che indicano diverse abitudini alimentari. La principale fonte alimentare di Geospiza magnirostris (1) sono i semi, mentre la Certhidea olivacea (4) è un insettivoro. Questo principio di evitare la concorrenza adattandosi a diverse nicchie ecologiche verrà spiegato più dettagliatamente in seguito.
Le Isole Galapagos si trovano a circa 1000 km a ovest del Sud America e sono quindi geograficamente isolate dalla terraferma. Come isola di origine vulcanica, i fringuelli di Darwin non possono essersi sviluppati sull'isola, ma devono avere la loro origine dalla terraferma. Per caso, ad esempio a causa di una tempesta o di legni, almeno due fringuelli (maschio e femmina) o una femmina fecondata devono essere arrivati ​​sull'isola e formare così una popolazione fondatrice. Prima di tutto, le specie di uccelli canori sono aumentate molto fortemente, perché oltre all'eccessiva disponibilità di cibo, non c'erano predatori ovunque sull'isola. Ad un certo punto, tuttavia, aumenta la pressione della competizione intraspecifica sui fringuelli, perché l'habitat e il cibo sono limitati.
La separazione geografica ora prevede l'evoluzione della tensione in diverse direzioni. Dall'isola di origine, i singoli individui arrivano di nuovo per caso in un'altra isola. Il processo di rapida moltiplicazione si ripete, ma in circostanze diverse, perché non solo la pressione di selezione è diversa su quest'altra isola (ad esempio altre forniture di cibo), ma anche il pool genetico ora differisce, sebbene solo leggermente, da quello della popolazione originale l'isola di origine (effetto collo di bottiglia). Inoltre, mutazioni e ricombinazioni diverse, una diversa direzione di selezione e una deriva genica portano a uno sviluppo non convergente, rispetto alle specie di ceppo sull'isola di origine.
Poiché non c'è più flusso genico tra le isole, gli uccelli canori non possono più scambiarsi alleli tra loro e le due popolazioni si separano. Se le due popolazioni sono separate abbastanza a lungo, durante questo processo di separazione può verificarsi l'isolamento riproduttivo, in modo che le due popolazioni non possano più riprodursi tra loro. Ora, se gli individui delle specie appena emerse tornano sull'isola di origine, ciò potrebbe comportare il loro adattamento alla stessa nicchia ecologica e quindi competere con le altre specie per questa nicchia ecologica. Secondo il principio di esclusione competitiva, solo una specie può occupare una nicchia ecologica e si verifica l'estinzione di una specie, oppure una specie è in grado di eludere un'altra nicchia ecologica e coesistere accanto alle altre specie. Tuttavia, può anche essere che le nuove specie sviluppate si siano sviluppate sull'altra isola in modo tale da occupare immediatamente una nicchia ecologica libera sull'isola di origine e non competere con le specie di ceppo.
Questo processo di isolamento geografico e immersione si è ripetuto più volte, dando origine a 14 specie, tutte originate da una specie di origine.

Video: L'Era dei Trilobiti. Cambriano. Cronache Biogeologiche, Ep. 3 (Giugno 2020).