Informazioni

Cappello di ferro blu


ritratto

nomeImmagine: cappello di ferro blu
Nome latino: Aconitum napellus
più nomi: Veleno, lupo, lupo velenoso, morte di capra
famiglia di piante: HahnenfuЯgewchsse
Numero di specie: circa 350 specie
area di circolazione: Europa centrale
area di distribuzione originale: Siberia
Posizione della pianta: soleggiato,
Blдtter: disposto alternativamente, oblungo, verde scuro
Frьchte: ?
Blьtenfarbe: blu, viola scuro
Blьtezeit: Luglio - ottobre
Hцhe: 0,5 - 2 m
età: pianta perenne
uso: Pianta ornamentale
lineamenti: altamente tossico

Informazioni sulla pianta: Blue Ironhut

il Cappello di ferro blu o Aconitum napellus appartiene ai ranuncoli ed è legato al larkspur selvaggio. Questa pianta erbacea perenne raggiunge altezze di crescita fino a due metri ed è considerata la pianta più velenosa in Europa, che le è valsa termini colloquiali come "Veleno di lupo" o "morte di capra".
Originariamente basato in Siberia, il cappello di ferro blu si diffuse in molte parti d'Europa e raggiunse anche l'America. Cresce nelle zone montane alte e fresche e nelle Alpi e necessita di un terreno ricco di sostanze nutritive e calcareo. La pianta preferisce posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate in prati umidi, foreste o vicino a corsi d'acqua.
Sul gambo nudo e vigoroso cresce un denso fogliame costituito da foglie alternate e divise di colore verde scuro, che appaiono argentee sul fondo e ricordano la loro forma sulle mani. I fiori viola scuro, che sembrano piccoli elmetti, siedono su pannocchie lunghe fino a cinquanta centimetri e attirano principalmente bombi per Bestudubung. Appaiono da luglio a ottobre e si sviluppano dopo il periodo di fioritura frutti lunghi da uno a due centimetri. Le specie selvatiche hanno anche prodotto forme coltivate con fiori rosa o bianchi.
Tutte le parti delle piante, ma soprattutto la radice e i semi contengono l'aconitina alcaloide altamente velenosa. Questo fatto era già noto agli antichi, per cui il cappello di ferro blu era usato come veleno per omicidio.
Oggi, i principi attivi estratti dai tuberi e dalle erbe vengono utilizzati nella produzione di pomate speciali che si dice per alleviare i dolori nervosi, sciatici e muscolari, nonché la gotta e la lombalgia. Inoltre, gli estratti della pianta vengono utilizzati nei preparati omeopatici, che vengono presi contro raffreddori e malattie del tratto respiratorio superiore nella fase iniziale e dovrebbero interrompere l'ulteriore decorso della malattia.
L'aconitina ha la capacità di penetrare attraverso le mucose e attraverso la superficie della pelle intatta nell'organismo, portando a formicolio e intorpidimento sulle parti del corpo che sono venute a contatto con esso. Se il trattamento fallisce, il veleno mortale provoca arresto cardiaco o collasso circolatorio entro un'ora, alla fine paralizzando i muscoli respiratori.
Nonostante il pericolo rappresentato da questa pianta, il cappello di ferro blu viene spesso coltivato nei giardini e utilizzato come fiore reciso a causa dei suoi steli fioriti eccezionalmente belli. Va notato, tuttavia, di non posizionare vasi in prossimità di tavoli da pranzo poiché i semi altamente velenosi potrebbero penetrare nel cibo. Già da tre a sei milligrammi di alcaloide aconitina possono essere una dose letale per un adulto. Pertanto consigliamo vivamente di non utilizzare questa pianta!

suggerimento

Questa informazione è solo per il lavoro scolastico e non è destinata a identificare piante commestibili o non commestibili. Mangia o non usa mai piante o frutti trovati senza la competenza adeguata!

Immagini: cappello di ferro blu

Video: Berretto Cappello cappellino tutorial lavorato ai ferri (Giugno 2020).